fbpx
Top

Circonferenza cosce? Ecco come ridurla

Ti sembra un compito arduo perdere 2-3 cm di circonferenza cosce? Hai proprio ragione, ma oggi ti sveliamo i modi più efficaci per riuscirci il prima possibile.

Le cosce sono sicuramente una delle zone più sexy del corpo da valorizzare soprattutto in estate. Purtroppo sono anche uno dei punti più deboli che risentono presto di una scarsa attenzione all’alimentazione.

Se consideriamo, inoltre, che il dimagrimento localizzato è davvero difficile da ottenere, la missione si complica ulteriormente. Per questo motivo bisogna lavorare moltissimo di cardio con lo scopo di bruciare più tessuto adiposo possibile e, soltanto dopo, passare ad esercizi di tonificazione per la zona considerata.

È chiaro che una dieta equilibrata a basso contenuto di zuccheri e grassi è consigliata per poter vedere i risultati del tuo allenamento un po’ prima. Ci sono poi da considerare altri fattori come la genetica, l’impegno e la costanza che pesano notevolmente sulla riuscita o la velocità dell’impresa. Perciò metticela tutta!

Come dicevamo poche righe indietro, il primo passo per dimagrire le cosce è quello di dedicarsi a un allenamento aerobico intenso, che non deve essere inferiore a 35 minuti per almeno 3 volte la settimana.  Gli allenamenti cardio più efficaci per snellire le cosce prevedono lunghe sessioni di corsa o jogging. Insomma, dimenticati dei 10 minuti sul tapis roulant per riscaldarti prima della tua sessione di fitness e fanne 45!

L’esercizio anaerobico, il tuo secondo step, serve invece a tonificare le cosce e rassodarle. Attenzione a dosare questi esercizi se volete contenere la circonferenza delle cosce, anche se in questo caso aumenterebbero di massa muscolare. Consulta il tuo trainer per concordarne la quantità in base al tuo obiettivo. Gli esercizi più comuni in questa fase sono:

Squat. Inizia a praticarne tre serie da 12 e quando le cosce si abituano allo sforzo, aumentale.

Fai anche sumo squat per allenare meglio l’interno coscia, forse la zona più restia ai cambiamenti. Divarica le gambe oltre la larghezza delle spalle, ruotando le punte dei piedi verso l’esterno. Solleva le braccia in avanti con le mani giunte all’altezza delle spalle e mantieni il busto eretto. Fletti le ginocchia e inizia la discesa espirando. Inspira durante la risalita. Fai 3 serie x 12 e poi aumenta.

Affondi. Comicia con i frontali. Con le mani sui fianchi e con busto fermo, porta avanti la gamba destra, poggia il piede e vai in affondo flettendo la gamba fino a formare un angolo di 45°C.  Adesso spingi sul tallone per tornare alla posizione iniziale e ricomincia con la gamba sinistra. Varia con affondi laterali. Con le gambe divaricate ad ampiezza anche, solleva una gamba e fai un passo laterale, abbassati mentre spingi le anche all’indietro.  A questo punto una gamba è distesa, con la pianta del piede a terra. Fai forza sul tallone della gamba piegata per risollevarti. Ripeti con l’altra gamba.

Adduttori con elastico, 3 serie da 16 ripetizioni per gamba.  Stenditi sul fianco sinistro con l’elastico che contiene le caviglie. Alza la gamba destra fino a quando senti tirare l’elastico e torna indietro. Girati sull’altro fianco e ricomincia.

Allora poche chiacchiere e a lavoro! Per qualsiasi domanda, chiedi pure nei commenti. A presto.

Please follow and like us:
No Comments
Add Comment
Name*
Email*